Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

di Valeria Potì

Quando abbiamo iniziato questa avventura, lo abbiamo fatto nella consapevolezza e forte desiderio di comprendere il cambiamento prima di poterlo raccontare, di viverlo sulla propria pelle per esserne testimoni.

Studiamo documenti a volte complessi, percorriamo chilometri su percorsi incerti pur stando sempre nello stesso luogo, indaghiamo per un tempo indefinito il paesaggio, gli oggetti, i componenti, i macchinari, gli uomini.

Gli uomini.

Rapiti, li osserviamo compiere gesti naturali, per uno solo dei quali noi potremmo non avere abbastanza forza ed energia.

Muovono mezzi imponenti, rudi e arroganti che alla loro guida sembrano danzare.

Si mostrano equilibristi su terreni impervi, sembrano non patire il caldo e la fatica.

Sono forza applicata all’ingegno, in un’impresa in cui l’ingegno è fondamentale ma sarebbe nullo senza la loro forza.

Parlare con loro è per noi la la fonte principale di comprensione, sono allo stesso tempo attori di questo cambiamento e primi abitanti di uno spazio che sta diventando luogo di una comunità.

Imparare a conoscerli nella misura delle parole e dei silenzi, ci consente di stare al loro fianco, con rispetto e con il desiderio un giorno, di riuscire ad osservare anche dalla loro prospettiva.